Amb-ire

Promuovere l’ambiente attraverso l’educazione, l’informazione, la comunicazione

Un mare di plastica novembre 19, 2009

Filed under: Uncategorized — silvina @ 9:29 am

Ecco uno spot molto “coinvolgente” sull’inquinamento che deriva dall’uso dei sacchetti di plastica. A San Francisco chi usa la propria borsa al supermercato ha uno sconto del 10%! E in Italia?

silvia.ferrari@amb-ire.com

Annunci
 

un bicchiere mezzo vuoto?

 

Ci stanno provando in tutti i modi. L’acqua è un bene di tutti.

http://www.repubblica.it/2009/11/sezioni/politica/salva-infrazioni/fiducia-ronchi/fiducia-ronchi.html

Nel libro “Ponte sullo Stretto e Mucche da mungere” edito da Terrelibere.org, viene purtroppo ben descritto il caso della privatizzazione dell’acqua in Calabria, e non solo.

Direi che a questo punto il bicchiere per i cittadini è mezzo vuoto, mentre inizierà presto a straboccare per i privati interessati all’oro blu.

Ma io mi chiedo, se lo Stato deve occuparsi della “cosa pubblica” e l’acqua è uno dei beni primari, non dovrebbe saper gestire questo servizio in maniera decente senza dover ricorrere ai privati?

Che bel paese l’Italia.

marta.mainini@amb-ire.com

 

cogito ergo sum.. non va più di moda.. novembre 11, 2009

 

 

Dopo Messina, purtroppo, torniamo a parlare di dissesto territoriale.

Cosa deve ancora accadere perchè il Governo si decida a prendersi cura del nostro ambinete di vita in maniera seria e competente?

“Frano dunque sono: Ischia dopo Messina, la tragedia annunciata si ripete”

http://www.greenreport.it/_new/index.php?page=default&id=1890

 

Nelle loro mani novembre 2, 2009

Ecco in quali mani cadono i progetti delle piccole e grandi opere in Italia.

Ecco le rassicuranti competenze di chi decide se un’opera può essere realizzata oppure no, se un intervento rischia di distruggere un territorio o no.

Ecco in che condizioni si trovano a lavorare professionisti seri, che vengono rimossi dal proprio incarico per far posto a tecnici.. come dire.. con la cataratta ad entrambi gli occhi?

“Il Tar del Lazio boccia la nomina, da parte del ministero dell’Ambiente, delle commissioni chiave per autorizzare centrali elettriche e ponti, aeroporti e autostrade, porti e ferrovie. Una sconfessione secca contenuta nelle sentenze pubblicate il 30 ottobre che danno al ministero 45 giorni di tempo per rimettersi in regola”.

 http://www.repubblica.it/2009/11/sezioni/ambiente/ministero-bocciato/ministero-bocciato/ministero-bocciato.html

 

 

marta.mainini@amb-ire.com