Amb-ire

Promuovere l’ambiente attraverso l’educazione, l’informazione, la comunicazione

scaccia pensieri… gennaio 28, 2010

Come è umiliante.

Mentre la maggior parte del mondo pensante celebra a Madrid l’anno dedicato alla biodiversità, il 2010:

http://www.cbd.int/2010/welcome/

Mentre la stampa internazionale sancisce l’impegno dei vari governi nel tutelare il patrimonio genetico, biologico ed ecosistemico che costituisce una ricchezza comune inestimabile:      

http://www.guardian.co.uk/science/2010/jan/25/hilary-benn-biodiversity-pricing 

I politici italiani si riuniscono per estendere i periodi di caccia, anche in quei momenti dell’anno così delicati per la fauna selvatica, come quelli riproduttivi e migratori, per esempio:

http://www.repubblica.it/ambiente/2010/01/28/news/caccia_voto-2103949/

Come è possibile? Non lo so.

Al momento sono piuttosto allibita; per commenti e riflessioni più esaustive aspetto vostri stimoli e, se ne avete voglia, vi consiglio di ridare un’occhiatina ai contenuti del Report sul Ddl Orsi, purtroppo ancora terribilmente attuale:

https://ambire.wordpress.com/2009/04/29/report-disegno-di-legge-orsi/

Non molliamo il colpo, non possiamo permettercelo.

 

marta.mainini@amb-ire.com

Annunci
 

aria fuori legge gennaio 25, 2010

Stamattina ero in metro, andavo al lavoro a Milano e leggevo uno dei classici quotidiani… Giro il foglio e vedo un’intera pagina immolata alla qualità dell’aria della megalopoli lombarda.

Eh sì, una pagina che raffigura diverse prospettive, diversi cieli, il più limpido e pulito, quello odierno, pubblicizza appunto la positività della situazione attuale.

Ora, va bene non voler deludere i cittadini e cercare di evitare allarmismi e preoccupazioni poco utili, ma, capiamoci, questo è un altro discorso.

Il 2010 è iniziato da poco, e già molte giornate milanesi hanno superato la soglia limite di particolato sottile in atmosfera. Cosa vuol dire? Che il 2010 è iniziato male, e che molte delle persone che vivono a Milano o vi si recano per lavoro hanno respirato un’aria fuori legge  –con una concentrazione di PM10 ben oltre  la soglia di sicurezza stabilita dall’Unione Europea.

Per fare un esempio a caso, ecco i dati registrati dall’Arpa il 23 gennaio:

http://www.arpalombardia.it/qaria/listaMI.asp

soglia massima: 50

Milano: 84

Ma perché devono dirci che va tutto bene? Chi non si informa in modo autonomo e legge il mio stesso quotidiano, oggi magari sarà andato a casa contento per la bella notizia.

Accordiamoci sulla realtà dei fatti, e cerchiamo di trovare una soluzione, perché, penso io, anche i politici avranno famiglia, no?

marta.mainini@amb-ire.com