Amb-ire

Promuovere l’ambiente attraverso l’educazione, l’informazione, la comunicazione

aria fuori legge gennaio 25, 2010

Stamattina ero in metro, andavo al lavoro a Milano e leggevo uno dei classici quotidiani… Giro il foglio e vedo un’intera pagina immolata alla qualità dell’aria della megalopoli lombarda.

Eh sì, una pagina che raffigura diverse prospettive, diversi cieli, il più limpido e pulito, quello odierno, pubblicizza appunto la positività della situazione attuale.

Ora, va bene non voler deludere i cittadini e cercare di evitare allarmismi e preoccupazioni poco utili, ma, capiamoci, questo è un altro discorso.

Il 2010 è iniziato da poco, e già molte giornate milanesi hanno superato la soglia limite di particolato sottile in atmosfera. Cosa vuol dire? Che il 2010 è iniziato male, e che molte delle persone che vivono a Milano o vi si recano per lavoro hanno respirato un’aria fuori legge  –con una concentrazione di PM10 ben oltre  la soglia di sicurezza stabilita dall’Unione Europea.

Per fare un esempio a caso, ecco i dati registrati dall’Arpa il 23 gennaio:

http://www.arpalombardia.it/qaria/listaMI.asp

soglia massima: 50

Milano: 84

Ma perché devono dirci che va tutto bene? Chi non si informa in modo autonomo e legge il mio stesso quotidiano, oggi magari sarà andato a casa contento per la bella notizia.

Accordiamoci sulla realtà dei fatti, e cerchiamo di trovare una soluzione, perché, penso io, anche i politici avranno famiglia, no?

marta.mainini@amb-ire.com

Annunci
 

Diritto al lavoro o diritto ad un ambiente salubre? dicembre 4, 2008

 

Negli ultimi giorni di Novembre a Taranto ci sono stati movimenti significativi, che necessitano una riflessione: un corteo di cittadini, autorità locali e associazioni ambientaliste ha manifestato contro l’attività inquinante dell’acciaieria Ilva.

Ben diciotto associazioni ambientaliste, unite nella sigla Alta Marea, più cittadini – oltre 20.000 persone hanno manifestano per sostenere che i diritti dell’ambiente e i diritti del lavoro possono e devono coesistere, anche a Taranto, dove il lavoro, il più delle volte, si chiama Ilva.

Uno dei maggiori problemi di tale attività è rappresentato dalle  emissioni inquinanti: secondo i dati Ines (Inventario Nazionale delle Emissioni e loro Sorgenti)*, nei cieli italiani viene riversato il 9% della diossina prodotta in Europa e secondo l’Arpa, la diossina viene in buona parte dai camini dell’Ilva.

Al corteo contro l’inquinamento svoltosi lo scorso 29 novembre ha partecipato anche l’Ail, l’associazione contro le leucemie. La Presidente Paola d’Andria ha in tale occasione precisato: “La situazione in città è drammatica. L’aumento di patologie tumorali è impressionante: ogni giorno incontriamo bambini e ragazzini che si ammalano di linfomi, giovani donne in gravidanza, anziani e operai Ilva». Il punto cruciale su cui ruota la questione è: la citata acciaieria sostenta molte famiglie, dà lavoro, ma ad un prezzo troppo alto. E’ arrivato il momento di affrontare il problema, perché esiste una possibile conciliazione fra posti di lavoro e salute. Deve essere trovata. Il coordinatore della rete Alta Marea Giuseppe Merico afferma: “..così come non si deve morire di cancro, non si deve morire di fame. Siamo in Europa, e in Europa si può.”

 

Il nostro impegno sarà seguire la vicenda e mantenere vigile l’attenzione. Prossimi approfondimenti a breve.

*INES (Inventario Nazionale delle Emissioni e loro Sorgenti) ed EPER (European Pollutant Emission Register) sono registri integrati nati nell’ambito della direttiva 96/61/CE, meglio nota come direttiva IPPC (Integrated Pollution Prevention and Control). Essi sono il risultato di un approccio integrato alla gestione ambientale che coinvolge i governi, le industrie e il pubblico e dà la possibilità a quest’ultimo di esercitare il proprio diritto di accesso ad informazioni ambientali in maniera semplice attraverso la moderna tecnologia.

 

 

marta.mainini@amb-ire.com