Amb-ire

Promuovere l’ambiente attraverso l’educazione, l’informazione, la comunicazione

Per fare un albero ci vuole un seme, per fondere un nucleo ci vuole Berlusconi maggio 15, 2009

Anche dopo il tragico terremoto in Abruzzo il nostro Governo si ostina a non riconosce il pericolo sismico in territorio italiano, dissotterrando il nucleare: il 12 maggio il Senato ha approvato il ritorno all’energia atomica in Italia.
Come se non bastasse il ritorno al nucleare in sè, le procedure per la costruzione delle centrali potranno pure essere velocizzate, “grazie” alla previsione di un’unica autorizzazione in grado, solo secondo alcuni, di sostituire tutte le altre licenze e nulla osta (tranne Via e Vas – valutazione di impatto ambientale e valutazione ambientale strategica), (cfr. Repubblica).

Jeremy Rifkin, famoso esperto di green economy, si è da poco espresso sull’effettivo contributo che l’energia nucleare porterebbe di fatto all’economia italiana, e non solo; trovate un articolo a ciò dedicato qui.

Per il resto che dire.. concludiamo ricordando le legittime riflessioni mosse da Roberto della Seta: “non è chiaro infatti chi debba individuare i siti delle nuove centrali e c’è il rischio che questo compito spetterà alle grandi imprese dell’energia, e ciò potrà avvenire anche contro il parere delle Regioni in presenza del principio del potere sostitutivo del governo in mancanza di intesa con gli enti locali(cfr. Repubblica).

Ora, io mi chiedo, ma tutti quelli che appoggiano il Governo attuale, e quindi il ritorno al nucleare, tra tutte queste persone,dico, ci sarà qualcuno che ha dei figli, una moglie, un marito, un compagno di vita, degli affetti veri… ma chi augurerebbe ai propri cari di vivere di fianco ad una centrale nucleare, o in prossimità di un sito di stoccaggio di scorie pericolose? E secondo voi, dove verranno costruite queste centrali? Di fianco alla villa del Presidente del Consiglio in Sardegna?

Soprattutto considerando come vengono fatte e gestite le scelte in Italia, ricordando giusto per un secondo i grandi costruttori e le loro città di sabbia, di cui l’Abruzzo è solo un esempio (come scritto da Saviano).. Ma chi si fida?

Invece di fossilizzarsi su fonti di energia che possano incrementare i nostri consumi, perché non provare, anche in nome del risparmio, a proporre un cambiamento degli stili di vita in un’ottica di sostenibilità sociale e ambientale? Che ne so, magari promuovendo, in un Paese come l’Italia, l’eolico e il solare… E poi in fondo, chiediamoci se abbiamo davvero bisogno di impiegare tutta questa energia per produrre cose che non servono a nessuno, se non ai visi ringiovaniti di pochi.

marta.mainini@amb-ire.com

Annunci
 

Controproposta a Berlusconi aprile 10, 2009

Per far fronte alla tragedia del terremoto in Abruzzo l’Italia ha bisogno di manodopera, progettisti,  materiali di qualità, architetti, geometri, squadre di lavoro, macchinari, tecnici esperti, urbanisti, specialisti nei beni culturali, restauratori.. soldi.

Berlusconi ha avuto un’idea: suddividere la ricostruzione post terremoto in 100 progetti, da assegnare a rispettive 100 province italiane.

Io ne ho avuta un’altra:  abbiamo pronti da spendere 6 miliardi di euro stanziati dal Cipe per il Ponte sullo stretto. Invece di chiedere  la donazione di un euro da telefono mobile, e di due da telefono fisso (aiuto senz’altro simbolo di una solidarietà collettiva che non fa mai male, intendiamoci)  vediamo se il Governo italiano è davvero pronto alla ricostruzione seria, a investire dove serve, a stanziare soldi dove esiste una necessità urgente e reale. Dirottiamo i milioni destinati al Ponte, opera praticamente inutile, dispendiosa e dannosa, nella ricostruzione dei paesi d’Abruzzo e nell’aiutare una popolazione che ha perso tutto; sarebbe forse il primo caso di  dirottamento sensato.

Cosa serve di più ai cittadini italiani? Un improbabile blocco di cemento sospeso sopra acqua salata, che farà sorridere le solitarie tasche dell’elite dei grandi costruttori, o ridare vita ad una Regione severamente colpita?

Cosa è più rispettoso fare?

I soldi ora li abbiamo, usiamoli in modo onesto, una volta ogni tanto.

marta.mainini@amb-ire.com

 

 

Possiamo cambiare il passato? aprile 9, 2009

 

Il famoso economista Jeremy Rifkin, in occasione dell’incontro con gli studenti dell’Università la Sapienza di Roma per l’anniversario dei 10 anni di Banca etica, ha ribadito che di fronte allo stato dell’ambiente, ai cambiamenti climatici e alla crescente domanda di energia dei paesi in via di sviluppo, il nucleare non rappresenta affatto una risposta corretta ed esaustiva: “oggi in tutto il mondo sono presenti 430 centrali che realizzano solo il 5% dell’energia, quindi per poter arrivare ad avere un impatto sul clima (ridurre le emissioni di anidride carbonica) dovrebbero produrre il 20% dell’energia totale, ma questo significherebbe costruire tre centrali ogni trenta giorni per 10 anni, visto che ne sarebbero necessarie 2.000”. Inoltre, ha ricordato che “nel 2025 le scorte di uranio si esauriranno” e che “già non c’è abbastanza acqua per raffreddare i reattori, basti pensare che solo la Francia utilizza il 40% delle risorse idriche a questo scopo”.

Non dimentichiamoci poi dell’insidia delle scorie: “Non sappiamo ancora come trasportarle e stoccarle. Gli Stati Uniti hanno investito 8 miliardi di dollari in 18 anni per stoccare i residui all’interno di montagne dove avrebbero dovuto restare al sicuro per quasi 10 mila anni. Bene, hanno già cominciato a contaminare l’area”.

L’economista “green” aggiunge con grande sensibilità come un inizio di soluzione reale e locale possa incarnarsi nel “far diventare le nostre case centrali energetiche” trovando l’energia nel nostro giardino, prendendola “dal terreno e dal sole”. Potrebbe inoltre aiutare a diminuire il consumo di energia della nostra individuale impronta ecologica la riduzione del nostro consumo di carne, la cui produzione sembra esser causa di una notevole produzione di metano e anidride carbonica..

Ed ammettendo anche il contributo che la costruzione di centrali nucleari potrebbe portare al bilancio energetico italiano, forse ora è davvero giunto il momento di chiedersi se il nostro Paese è strutturalmente e fisicamente idoneo ad ospitare questi corpi estranei. Dove andrebbero localizzate queste centrali? E dove andrebbero stoccate le scorie? Evitiamo la solita polemica nimby (not in my back yard), d’accordo, ma di fatto, dove andranno messe queste scorie? E le centrali? Dietro il giardino dei nostri ministri proponenti il nucleare? Voi che credete? E poi l’uranio andrà esaurendosi, il suo prezzo quindi aumenterà.. Non so, serve altro?

Forse si, purtroppo.

Volgendo profondo cordoglio e la massima solidarietà alle vittime del terremoto in Abruzzo, alle loro famiglie e a tutta la comunità che si è vista spogliata dei propri averi, del proprio ambiente di vita, della propria sicurezza, pensando proprio a questa tragedia, a queste perdite, mi chiedo se non sia almeno possibile imparare dagli errori fatti in passato, evitando questa volta di costruire dove non si deve, di cementificare aree poco sicure.. Possiamo cambiare il passato? Far girare l’orologio all’indietro ed evitare la morte di centinaia di persone?

Il momento che stiamo vivendo oggi sarà il passato del nostro futuro, possiamo quindi agire adesso in modo sostenibile e previdente, non permettendo lo sfruttamento edilizio e la speculazione, non permettendo la costruzione di masse tumorali nel nostro ambiente di vita. Possiamo, ora, fare qualcosa affinché in futuro tragedie come queste non accadano più. Se questo preciso momento storico sarà passato, si, possiamo agire per cambiare le cose, per migliorarle, per avere un futuro in cui sentirsi più sicuri.

L’Italia è un territorio piccolo, stretto, il rischio sismico esiste.. dobbiamo davvero rischiare altre vite costruendovi delle centrali nucleari, ampliando case e costruendo in totale deregulation?

marta.mainini@amb-ire.com